DIGITAL TRANSFORMATION: La necessità di nuove strategie per le imprese

In un arco di tempo che va dai primi anni del duemila a oggi si sta consumando un’evoluzione tecnologica digitale senza precedenti, accelerata negli ultimi tempi a causa della situazione di covid-19 nel mondo, che ha coinvolto ogni settore della nostra società: economia, scuola, cultura. A risentire di questi cambiamenti è stato soprattutto il mondo del lavoro.
La digital revolution ha implicato sviluppi ed opportunità straordinari per le organizzazioni di ogni genere, dal punto di vista dei processi organizzativi, della relazione con i clienti, delle esigenze di supporto da parte dei Partner, con opportunità che si ripercuotono sull’intero ecosistema delle aziende sia a livello nazionale che globale. Conseguentemente, le imprese si trovano ad agire in un contesto di logica di trasformazione con quanto fin’ora vissuto, presentando dinamiche evolutive molto complesse, fino a cambiamenti radicali sia mentali che fisici all’interno di una struttura aziendale. La digital transformation quindi è un processo che include una serie di cambiamenti non solo tecnologici, ma anche organizzativi, sociali, culturali, creativi e manageriali.
Al momento non tutte le imprese sono culturalmente pronte a cavalcare questa trasformazione. Essa rappresenta un’opportunità di innovazione e, allo stesso tempo, una minaccia.
In molti casi si parla di un processo di adattamento e di accettazione non ancora completo: siamo stati più lenti di ciò che abbiamo creato, qualcuno non era pronto a un cambiamento così improvviso e non è riuscito a seguire il passo della tecnologia, qualcun altro invece non è ancora disposto ad abbandonare le abitudini del vecchio mondo, mutate o eliminate da questa nuova era.
Le imprese che sono state in grado di realizzare una strategia digitale sono emerse a scapito di altri competitor. In altri casi, invece, l’incapacità di interpretare il cambiamento e di ridefinire una strategia ha comportato la perdita di competitività e l’avvio di un percorso di declino che apre la strada ad una possibile uscita dal mercato.
L’implementazione delle tecnologie digitali nel proprio modello di business è importante ai fini del successo competitivo e della sopravvivenza delle imprese stesse ma non è l’unica azione da effettuare se non è accompagnata dal “ridisegnare” l’offerta del proprio business in modo da adattarla alla user experience.
Michele Rubino ne “IL PROCESSO DI DIGITALIZZAZIONE AZIENDALE E LA DIGITAL TRANSFORMATION ” evidenzia come alla base della rivoluzione in atto ci siano innanzitutto i nuovi comportamenti di consumo e di condivisione delle informazioni da parte dei consumatori/clienti che hanno evidenziato l’inadeguatezza di alcuni prodotti o dei tradizionali modelli di erogazione dei servizi. L’utilizzo di internet, la disponibilità e l’accesso alle informazioni, la velocità nelle decisioni, la riduzione delle distanze sono solo alcuni aspetti che riguardano un mondo sempre più globalizzato e dominato dalle tecnologie digitali.
Un modello in grado di rappresentare la strategia aziendale in avviato funzionamento è quello della formula imprenditoriale attraverso cui è possibile identificare i seguenti elementi fra loro interrelati: clienti, sistema prodotto o value proposition, struttura aziendale, attori sociali target e proposte di collaborazione che l’impresa, in modo più o meno esplicito o implicito, rivolge ai vari soggetti che intende coinvolgere per la realizzazione della strategia. E’ importante valutare le possibili scelte di investimento agendo su marketing, vendita, processi interni e gestione dei servizi. In una prospettiva digitale, sono proprio questi ultimi elementi ad essere oggetto di ripensamento da parte dei vertici aziendali.
Il successo della strategia digitale va ricondotto alla qualità della dimensione imprenditoriale e manageriale e alla connessa capacità di recepire il cambiamento e di ridisegnare il modello di business sulla base di alcune dimensioni che, rispetto al passato, assumono un ruolo differente. Tuttavia, va osservato che, all’interno del processo di formulazione della strategia, il patrimonio intangibile costituisce una risorsa rilevante nel determinare il successo aziendale.
Il capitale umano costituisce la sorgente principale dell’innovazione e, a maggior ragione, nell’era digitale deve essere salvaguardato e potenziato. I modelli di business vincenti rappresentano il frutto delle idee e dei valori di chi li progetta ed è per questa ragione che le conoscenze, le competenze e le abilità delle risorse umane devono essere rinvigorite. Su questo fronte, per prima cosa, occorre favorire l’attività di formazione affinché le risorse umane, a tutti i livelli, siano in grado di comprendere, utilizzare e indirizzare la tecnologia nelle attività quotidiane, contribuendo all’aumento della produttività e dell’efficienza. Inoltre, tra le tecnologie digitali, va osservato che l’automazione comporta un processo di riorganizzazione delle risorse umane caratterizzato, da un lato, dalla riduzione della manodopera non specializzata e, dall’altro, dal recruiting di personale con competenze sempre più qualificate.

Fonte articolo: https://www.researchgate.net/publication/345814192_Il_Processo_di_Digitalizzazione_Aziendale_e_la_Digital_Transformation

Condividi